Articolo di Maria Silvestrini

Da martedì 28 Luglio 2015, a Martina Franca, la VI edizione della Summer School di Economia civile

” Legami, generatività e sviluppo sostenibile, biodiversità dell’economia” : queste le parole chiave della VI Summer School di Economia Civile che si apre martedì 28 luglio a Martina Franca nella consueta cornice di Casa San Paolo. “Creatività e innovazione dall’Economia civile”, il tema di quest’anno, si identifica infatti con la capacità di dare corpo a queste parole che costituiscono i punti di differenza più evidenti con i vecchi schemi economici. Le parole devono avere un riflesso concreto e immediato sulla realtà e la VI edizione della Summer School vuole entrare nella logica di ciascuna di esse attraverso l’approfondimento di prestigiosi economisti e il sistema del fare dei “testimoni”. Cinque giorni per confrontarsi con questa nuova economia che parla di produzione e consumo ma anche di relazioni ed armonia. Oltre cinquanta ragazzi hanno chiesto quest’anno di poter partecipare alla full immersion che dal 2009 caratterizza il lavoro dell’Accademia Mediterranea di Economia Civile, solo 39 sono gli iscritti effettivi che hanno superato il colloquio preliminare. Giovani quasi tutti sotto i 30 anni, provenienti dalle provincie pugliesi ma anche da Basilicata, Campania, Calabria, Lazio ed Abruzzo. Un mondo variegato e pieno di entusiasmo.

Direttore scientifico del corso il prof. Luigino Bruni, professore ordinario di Economia alla LUMSA, storico del pensiero economico e personaggio di rilievo dell’economia di comunione e dell’economia civile. Sarà lui a illustrare le parole che segnano il percorso formativo di questa edizione. Sempre mercoledì 29 il prof. Maurizio Mancuso, docente di Scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica di Milano, illustrerà cosa si intende per “Capitale simbolico d’Impresa” . Giovedì 30, il gradito ritorno del prof. Johnny Dotti, presidente e Amministratore Delegato di Welfare Italia Servizi srl, società dedicata allo sviluppo dei servizi per le famiglie a cui è affidata la III lezione “C’e’ ancora un rapporto tra crescita e territorio?”.  Leonardo Becchetti, Coordinatore Master in Development Economics and International Cooperation, ordinario di Economia Politica presso la Facoltà di Economia dell’Università di Roma “Tor Vergata” venerdì 31 spiegherà cosa si intende per ” Biodiversità dell’economia civile”.

Professori di rinomanza internazionale che vivranno gomito a gomito con i corsisti perché la Summer School è un’esperienza da vivere e non una sommatoria di nozioni. Una esperienza di relazioni costruttive su temi nuovi che cambiano il modo di intendere il rapporto tra mercato ed impresa, società civile e mercato. Rapporto che si concretizza in esperienze che si vanno moltiplicando anche sul nostro territorio come spiegheranno i “Testimoni”.

I Cantieri “Ex Fadda a San Vito dei Normanni, sono sopratutto una comunità di persone che condivide il sogno di far rivivere gli spazi di un ex stabilimento enologico trasformandolo in un contenitore culturale al servizio del territorio. Il Lanificio Leo, la più antica fabbrica tessile attiva in Calabria, si occupa di dinamiche di sviluppo applicate alla tradizione e alla dimensione territoriale della periferia, cercando di coniugare le potenzialità intrinseche dei processi a bassa tecnologia ma con alto potere identitario, con la visione design-oriented del suo creatore Emilio S.Leo. Infine l’esperienza di GianVincenzo Angelini De Miccolis , avvocato e sindaco per due mandati del Comune di Putignano, perché la politica è una alta forma di impegno per il bene comune.

Una Summer School intensa che il coordinatore organizzativo Enzo Mercinelli ha preparato con cura insieme ad uno straordinario staff di volontari. Lezioni, confronto, dibattito, ed anche momenti ludici e di svago, perché in fondo siamo in estate e protagonisti sono i giovani.

Il progetto della Summer School nato da una intuizione del prof. Domenico Maria Amalfitano, presidente del Centro di cultura Lazzati, è stato sostenuto sin dagli inizi dall’Economia di Comunione, dall’UCID di Puglia e Basilicata, dal Comitato per l’Imprenditorialità sociale della Camera di Commercio di Taranto e dalla Fondazione FISBA-FAT. Imprese ed imprenditori privati, ogni anno consentono con il contributo di una o più borse di studio la partecipazione degli studenti al corso in maniera quasi gratuita.

Articolo di Maria Silvestrini

FacebookTwitterGoogle+PinterestCondividi