28 Novembre – “Economia Civile e Utilities governance, co-produzione, inclusione”

Il Centro di Cultura dell’Università Cattolica di Taranto in sinergia con la Camera di Commercio di Taranto e l’Accademia Mediterranea di Economia Civile – AMEC,
sono lieti di invitarvi al convegno pubblico sul tema: “Economia Civile e Utilities governance, co-produzione, inclusione” – relatore dott. Johnny Dotti, con la partecipazione del Dir. Generale del Comune di Taranto, degli amministratori di alcune locali aziende a partecipazione pubblica e sindaci della provincia di Taranto.

L’evento si terrà il giorno 28 Novembre 2014
Ore 17:00-20:00 c/o la Cittadella delle Imprese, Viale Virgilio 152 – Taranto

Nel nostro cammino di riflessione e di esperienza nel campo dell’Economia Civile che sentiamo di cogliere come elemento generativo e rigenerativo della Società e delle Istituzioni, veniamo sollecitati dall’esigenza di un ulteriore approfondimento e da qualche esperienza già in campo:
“Economia Civile e Utilities: governance, co-produzione, inclusione”.

· Un seminario, un momento forte di riflessione, di documentazione, dei tentativi in atto che desidereremmo rivolgere, partendo da un interesse coinvolgente di cittadinanza attiva, a Sindaci, Amministratori di Enti Pubblici territoriali, di aziende partecipate (ex municipalizzate) che erogano servizi di pubblica utilità (distribuzione di acqua, gas, servizi di trasporto pubblico urbano, di raccolta rifiuti e di igiene urbana, ecc.), nonché alle responsabilità politico-amministrative che determinano concretamente le politiche di affido e di gestione di tali aziende.

· Dove vorremmo pervenire: delineare un nuovo modello di produzione e di sviluppo, nonché di governance, perché i valori innovativi dell’Economia Civile e la stessa evoluzione dell’idea di Sussidiarietà, non solo verticale, ma anche orizzontale e circolare, possano contribuire a cambiare e a superare quella possibile doppia opzione del dualismo pubblico/privato: internalizzazione o esternalizzazione dell’affidamento dei servizi, che, certamente, è sotto gli occhi di tutti, non ha risolto e non risolve!
Un approccio dell’Economia Civile mirerebbe a una creatività oltre l’esistente dicotomia pubblico/privato e delinerebbe come queste Aziende potrebbero essere trasformate in imprese sociali e civili, mantenendo insieme modelli di governance efficaci (il conto economico, la qualità del servizio) e modelli di impresa che puntano e realizzano la co-produzione, l’inclusione dei cittadini nella loro partecipazione attiva, una coscienza diffusa e impegnata nella salvaguardia di beni comuni, la non distribuzione degli utili, che andrebbero rinvestiti nella crescita e nel miglioramento dell’azienda impegnata nel contesto
della responsabilità territoriale.
seminario Dotti-28-novembre
· La “provocazione – formulazione dell’ipotesi” sarebbe affidata al Dott. Johnny Dotti, che ha ben attraversato da protagonista, da sperimentatore, da ricercatore e docente universitario il cammino e l’evoluzione dell’Economia Civile ed è impegnato, concretamente, nella costruzione di modelli vari di governance nei servizi pubblici.

· L’esperienza degli amministratori delle locali aziende a partecipazione pubblica locali, nonché il Direttore Generale del Comune di Taranto, dovrebbero essere i più opportuni “verificatori” dell’ipotesi esperienza seminariale. I responsabili della cosa pubblica in carica ed in iter di candidatura, non potrebbero non avere, nella attiva partecipazione, un imput di verifica dei loro programmi.

· Il tutto per un appuntamento aperto e un iter di proposta condivisa – animando “il gusto e la responsabilità della vita civica”.

==================
Riferimenti organizzativi per il convegno:

Centro di Cultura per lo sviluppo del Territorio “G.Lazzati” dell’Università Cattolica di Taranto
via Duomo, 107 – 74100 Taranto
329.1324147 – cdc.taranto@unicatt.it

Coordinamento
Dott. Vincenzo Mercinelli – cell 347 79 99 808 – vincenzo.mercinelli@mceconsulting.it

FacebookTwitterGoogle+PinterestCondividi
Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *