“Chi è l’uomo?” – Leonardo Becchetti alla Summer School di E.C. – Martina Franca

Articolo di Elena Manigrasso

Chi è l’uomo? Un interrogativo davvero impegnativo per l’ultima lectio magistralis della Summer School di Economia Civile in terra tarantina, tenuta da Leonardo Becchetti (ordinario di Economia politica, Università di Roma Tor Vergata). “L’uomo non é l’homo economicus come ci vorrebbe far credere la società in cui viviamo. L’uomo é un ricercatore di senso”.

E continua: “Ognuno di noi deve dare un senso a quello che fa, 150728 0801 Martina Franca SS Amec 19 riddiversamente non ha uno scopo specifico nella vita ed è demotivato, stenta ad alzarsi, gli manca l’ossigeno; la persona innamorata trova ossigeno nella storia d’amore, l’amico nella corrispondenza di affetti, l’impiegato nelle relazioni che intreccia nel lavoro. Stare bene al lavoro non è solo una questione di soldi, ma anche e soprattutto un intrecciare rapporti di fiducia e lealtà con l’altro. In poche parole: “è creare amicizie””. L’uomo felice ha bisogno di amici diceva Aristotele, certamente in tempi non sospetti.

Leonardo Becchetti, teorico del “voto col portafoglio”,  è anche fra i promotori della 150728 0801 Martina Franca SS Amec 16 ridcampagna Slotmob: un flashmob contro la dipendenza da gioco d’azzardo all’interno della sua lezione era quasi d’obbligo: i ragazzi dello staff hanno indossato la maglietta con il tormentone “Insieme a te non SloTto più” e ne hanno donata una al professore. Per ben due volte infatti l’Accademia di economia civile di Taranto è stata promotrice di slot mob: nel 2014 a Taranto (31sima città a mobilitarsi), e nel 2015 a Carosino (101sima nel percorso nazionale), sempre in provincia di Taranto. Leonardo  Becchetti ne ha approfittato per approfondire la lezione sulla dipendenza da gioco, illustrando ai corsisti vari progetti rivolti anche ai ragazzi del biennio di scuola superiore con borsa di studio, offerta della Università Luiss, sempre di Roma.

Le citazioni ed i commenti su facebook e twitter non si sono fatte attendere: Angelo dichiara: “Cari amici l’uomo è per la maggior parte ricercatore di un “RITORNO” specialmente economico senza il quale fa molta fatica a muoversi. Fortunatamente non tutti ancora sono così. Ciao prof”.

150728 0801 Martina Franca SS Amec 12 ridPensare che la scuola di economia civile possa dare qualche speranza ha fatto piacere a tutti. Nel saluto finale Domenico Amalfitano, presidente del Centro di cultura Lazzati, ha dichiarato che: “investire su un movimento di persone che potrebbe cambiare il versus economico, dovrebbe portare a un giorno nuovo, fatto di nuova luce”. La conclusione non poteva che essere un pranzo comune con rigoroso “brindisi” in rime dello studente Giuseppe:

Della ragione non ho perso il lume:
la rima è un dito che indica la luna,
ma tanto mi premeva del legume
narrare simbolismo e tradizione,
che il rimeggiare avrebbe tolto acume
all’urgenza della condivisione.

Brindiamo insieme a lunga vita alla scuola di Economia Civile nel mondo!

FacebookTwitterGoogle+PinterestCondividi
Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *