Conclusa la 3° edizione della Summer school Mediterranea di Economia Civile – di M. Silvestrini

La Summer School sul Corriere del Giorno – 15-8-2012 (Articolo originario integrale)
L’Economia Civile come nuovo modello di sviluppo economico per uscire dalla crisi articolo-corriere---Summer-

Conclusa la 3° edizione della Summer school Mediterranea di Economia Civile a Casa San Paolo per 50 giovani corsisti.

Cinquanta giovani fra i 20 ed i 30 anni, un gruppo di docenti di grande spessore scientifico, un luogo tranquillo dove apprendere e mettersi in discussione. Tutto questo è la “Summer school di Economia civile” giunta alla sua 3° edizione che si è svolta tra il 25 ed il 29 luglio, a Casa San Paolo, a Martina Franca Continua a leggere

FacebookTwitterGoogle+PinterestCondividi

Da Nord a Sud è sempre Economia Civile – di Elena Manigrasso

Conclusa la terza Summer School di Economia Civile di Martina Franca (TA)
Da Nord a Sud è sempre Economia Civile: c’è chi vuole dividere l’Italia e chi invece vuole unirla con i valori forti di fraternitè ed egalitè.
“Verso il nuovo modello di welfare civile; beni comuni e imprese di comunità”. Questo il tema della terza edizione della Summer School tarantina di economia civile 2012, ma l’entusiasmo è alle stelle come in quel primo corso del luglio 2010. I ragazzi sono arrivati da ogni parte del Meridione, chi col treno, chi con la macchina del papà, chi con quella comprata a rate con un po’ di sacrifici. Continua a leggere

La Tavola Rotonda di confronto politico istituzionale dal titolo “Verso un nuovo modello di Welfare Civile – Beni comuni e imprese di comunità”

Martina Franca: Società Civile, Politica e Sanità a confronto
27 luglio, nell’ambito della Summer School di Economia Civile di Martina Franca (TA)

Per la scuola hanno partecipato Luigino Bruni e Johnny Dotti, presidente di Welfare Italia, per le istituzioni l’On. Savino Pezzotta parlamentare dell’UDC, e l’on. Stefano Graziano parlamentare del Partito Democratico e membro della Commissione Finanze e della Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti. Continua a leggere

“Costruire cose buone” su La Stampa – di Agnese Moro

Agnese Moro nella sua rubrica settimanale: “Costruire cose buone” su La Stampa di Domenica 24 Giugno 2012, ha scritto della nostra prossima Summer School “Verso un nuovo modello di Welfare Civile”, che avrà luogo a Casa San Paolo – Martina Franca (TA) dal 25 al 29 Luglio 2012.

“La «Summer School Mediterranea di Economia Civile» , è nata a Taranto tre anni fa dalla collaborazione del Centro di cultura «Giuseppe Lazzati» di Taranto dell’Università Cattolica, di «Economia di Comunione », del «Comitato per l’imprenditorialità sociale », della Camera di commercio, con la direzione scientifica del professor Luigino Bruni. Continua a leggere

Libro-forum: “I beni relazionali. Che cosa sono e quali effetti producono”

Venerdì 20 aprile 2012, ore 17.30 c/o la Sala N. Resta della Cittadella delle Imprese, Viale Virgilio 152, Taranto

Libro-forum su “I beni relazionali. Che cosa sono e quali effetti producono”
L’autore, il sociologo Pierpaolo Donati fondatore della “Teoria relazionale della società”
esporrà il tema dell’opera (ed. Bollati Boringhieri), puntualizzandone l’urgenza, l’opportunità, la sfida culturale e interloquirà con alcuni lettori già impegnati da tempo nello studio del testo, che rappresentando tagli e ambiti diversi, animeranno con i loro interventi un dibattito; replicherà l’autore. Continua a leggere

3′ Seminario residenziale – Scuola di Economia Civile

“Beni Relazionali, Beni Comuni e Beni Demaniali”,
Si terrà il 24 e 25 Marzo 2012 , dalle ore 09.00 del sabato alle ore 15.00 della domenica
presso l’Hotel & Resort Dei Normanni, immerso nella verde campagna pugliese, situato a pochi minuti da Brindisi e dall’aeroporto, SS 16 San Vito dei Normanni – Brindisi, km 2.700. (http://www.hoteldeinormanni.it/index.php )

Il tema del seminario sarà incentrato sull’importanza dei “Beni Relazionali, Beni Comuni e Beni Demaniali”, con il gradito contributo dei docenti Licia Paglione e Guido Limongelli e la testimonianza di Irene Milone del consorzio Nuvola.
Continua a leggere

Arrabbiarsi e amarsi un po’: “i summerini” alla ricerca di un nuovo modo di fare economia – di Elena Manigrasso

Arrabbiarsi e amarsi un po’: “i summerini” alla ricerca di un nuovo modo di fare economia

“Noi dovremmo interessarci del FIL e non del PIL” così hanno esordito i ragazzi della scuola di Economia Civile, svoltasi in questi giorni all’oasi Santa Maria a Cassano Murge (Ba) e che ha visto una serie di incontri – confronti fra docenti, studenti della scuola e imprenditori provenienti da ogni parte d’Italia. E FIL sta per felicità interna lorda e non per prodotto interno lordo. Pensiero che va oltre la filosofia del vile denaro. È un concetto che ha ben presente i diritti inalienabili dell’uomo che non sono solo il diritto alla proprietà ma alla felicità, che è il benessere totale della persona. Principio contemplato nel quarto articolo della Costituzione francese del 1793, purtroppo disatteso come quello della Fraternitè. Come cambiare? C’è qualcosa che ognuno di noi può fare nel quotidiano, nell’ambiente di lavoro, tra le mura domestiche. Ed è quello di pensare allo “sviluppo” in relazione con gli altri, tenendo a cuore il bene degli altri. Perché anche pensare per il bene comune genera, oltre che lavoro, felicità. La Winter e Summer school di economia civile raccontano storie di giovani che si ostinano a pensare che la strada da percorrere sia arrabbiarsi e amarsi un po’, come la famosa canzone di Battisti, indignarsi e cambiare. A prima vista quella ostinazione può sembrare puro idealismo. E invece no. Sono ragazzi che cercano di mettere sul tavolo dell’innovazione valori come l’amicizia, la fratellanza, l’altruismo. E lo fanno, come è tipico dei ventenni un po’ con rabbia e un po’ con amore. Lo fanno con due anime, una più forte dell’altra: quella razionale e quella relazionale. Per fare la rivoluzione non si può essere vere signore, in attesa davanti ad una tazza di caffè come un dipinto di Pietro Marussig. Un po’ di rabbia ci vuole. Pensano questi ragazzi di restare a Sud e cambiare dal di dentro, costruendo una possibilità di futuro nella propria Terra, riscoprendone valori sottovalutati. Cercano di creare incontri culturali per far rivivere nei paesi dimenticati del Sud folklore, artigianato e centro storico. Pensano col “noi” lasciando un po’ da parte il “tu” per costruire una economia nuova, che punti sulla ricchezza del creato anziché su quella della finanza. Si impegnano fortemente per poter passare da una economia di speculatori ad una economia di imprenditori capaci di investire sul lavoro reale, sulla qualità e tutela del lavoratori e sulla loro formazione in progress. E non sull’usa e getta. Molto incisiva risulta essere a questo proposito la considerazione su questi temi del docente Alberto Frassineti il quale ha affermato che: “un imprenditore che fa bene impresa è un grande attore del bene comune”. I corsisti hanno poi cercato di proporre progetti innovativi legati ai valori dell’economia civile. Per scongiurare il rischio di essere considerati dei visionari, i ragazzi hanno motivato le loro scelte ed hanno incluso anche a livello pratico il da farsi riguardo la fattibilità dei piani di lavoro. Anche se bisogna dire che “l’essere visionari” può essere una ricchezza, può portare a soluzioni originali, innovative. Significa ad esempio offrire quel “that” prima del bisogno, come ha fatto il grande informatico visionario Steve Jobs. I ragazzi della Winter e Summer school si sono creati una mission da seguire, come se fosse una vera e propria Costituzione: creare imprese ben salde, quelle che non bruciano tutto per poi fuggire a caccia di un altro posto da sfruttare. E continuare a incontrarsi per sognare, anzi per progettare un mondo migliore utilizzando la scuola, le serate culturali, i nuovi mezzi di comunicazione, senza disdegnare vecchi strumenti come la posta con lettera e francobollo. Chiaramente la lettera scritta su carta rigorosamente riciclata. Parola di summerini!

Elena Manigrasso

2° Seminario Invernale residenziale

04/05 febbraio 2012, c/o Oasi Santa Maria a Cassano Murge (BA)
( http://www.oasisantamaria.it/sito_web_osm/oasi.html )
dalle ore 08.30 di sabato 4 alle ore 14.00 di domenica 5 febbraio.

l prof. Alberto Fassineti. ci raggiungerà a Cassano Murge per dedicare esclusivamente alla nostra Scuola di Economia Civile un confronto sulle tematiche dell’economia civile; seguiranno interventi di testimoni eccellenti.
Continua a leggere

Il Terzo Settore dalla A alla Z – Parole e volti del non profit

Sabato 14 Gennaio 2012 – ore 09.30 c/o I.T.E.S. “Pitagora” – via Pupino, angolo via Di Palma, Taranto
Alla presenza di Edoardo Patriarca, Consigliere dell’Agenzia per il Terzo Settore e componente CNEL

Saluti: 3 sett
Francesco Terzulli, Dirigente scolastico Ites Pitagora
Carlo Martello, Presidente comitato per l’imprenditorialità sociale della Camera di Commercio di Taranto

Interventi:
– Licia Bitritto Polignano, Imprenditrice
– Mario Tagarelli, Presidente Ordine dei Dottori COmmercialisti e Esperti Contabili di Taranto
– Vito Intino, II Facoltà di Giurisprudenza, Università degli Studi di Bari – Taranto

Dibattito

Conclusioni:
– Domenico M. Amalfitano, Presidente Centro di Cultura per lo Sviluppo dell’Università Cattolica – “G.Lazzati” – Taranto

Moderatore:
– Vincenzo Mercinelli, Centro di Cultura per lo Sviluppo “G.Lazzati” – Taranto

Descrizione del Testo :
il cuore del volume “Il Terzo settore dalla A alla Z. Parole e volti del non profit”, curato in modo corale dall’Agenzia per il Terzo settore e ideato dal Consigliere Sergio Travaglia, è un dizionario in 120 parole: sono quelle del mondo non profit.
Obiettivo del dizionario, di facile consultazione anche per i non addetti ai lavori, è rendere più vicino e comprensibile alla cittadinanza il multiforme universo del Terzo settore italiano.
Rappresentano una novità assoluta la presenza di esempi concreti, di fonti bibliografiche, legislative e web. Non manca una panoramica sull’evoluzione storica, sulla realtà attuale e sulle prospettive future del non profit, realtà che, in Italia, è ancora debolmente recepita seppur in continua evoluzione. A conclusione le biografie dei personaggi che hanno fatto da pionieri lasciando alla società un patrimonio di opere duraturo e da cui prendere esempio.
Presentazione di Stefano Zamagni. Prefazione di Sergio Travaglia.

Intervento del Prof. Stefano Zamagni a Taranto – trascrizione integrale a cura di Francesco Carlucci

In occasione della “Presentazione del ‘Libro bianco del Terzo settore’, tenuta presso la Camera di Commercio di Taranto – in collaborazione con il Centro di Cultura “G. Lazzati” dell’Università Cattolica – Taranto
(Lo scopo unico della trascrizione è quello di fermare il contenuto di quanto detto, per la memoria e per eventuali possibili riflessioni. Perciò si possono notare i pregi costituiti dalla vivacità dell’espressione orale ma, per i puristi, anche qualche imprecisione formale) Trascrizione integrale a cura di Francesco Carlucci
Continua a leggere

Seminario di Economia Civile 26 e 27 Novembre 2011

Il prossimo seminario previsto nel percorso invernale della scuola di Economia Civile si terrà il 26 e 27 novembre presso una struttura incantevole a Martina Franca: la Masseria Chiancone Torricella ( http://www.masseriachiancone.it/ ) strada Trasconi Chiancone, – Valle dei Trulli – 74015 Martina Franca (TA).
Continua a leggere

Presentato il Libro Bianco del Terzo settore – articolo di Maria Silvestrini

“Gli incontri promossi dal Centro di cultura dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Taranto non sono mai banali, e mai estemporanei. La riflessione sul ‘Libro Bianco del Terzo settore’ che ha portato a Taranto uno dei più grandi economisti del nostro tempo, Stefano Zamagni, è stato un tassello del percorso che il suo presidente Domenico M. Amalfitano ha ipotizzato per dare, ai nostri giovani, leve nuove per uno sviluppo economico sostenibile. In primo piano quindi i ragazzi dell’Accademia Mediterranea di Economia Civile che hanno incontrato l’illustre docente per porgli osservazioni e domande Continua a leggere

Il Terzo Settore motore di un diverso sviluppo, L’intervista al professor Stefano Zamagni – M. Silvestrini

Il prof. Stefano Zamagni, ordinario di Economia politica all’Università di Bologna, è uno dei più noti studiosi del no profit italiano ed internazionale, dal 2007 è presidente dell’Agenzia nazionale per il Terzo Settore.
Professore, il Terzo settore (TS), fra volontariato, cooperative sociali, fondazioni, associazioni conta ormai 7/8 milioni di persone che lavorano ma sono appena visibili in economia, perchè? Continua a leggere

Presentazione del “Libro Bianco del Terzo Settore” a cura del prof. Stefano Zamagni

Il giorno 21 Ottobre p.v. alle ore 18.00 c/o la Sala Resta, centro convegni della Cittadella delle Imprese, in V.le Virgilio, 152 – Taranto,

si terrà un convegno organizzato dalla Camera di Commercio di Taranto, in continuità con il lavoro intrapreso con il Centro di Cultura ‘G. Lazzati’ di Taranto e la nascente ‘Accademia Mediterranea di Economia Civile’.
Continua a leggere